Vai al contenuto della pagina | Vai al menù di secondo livello
Logo Ministero Interno

Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali

 

Home  |  Finanza Locale  |  Elenco Revisori Enti Locali (definire)

F.A.Q.

  • 1) Come fare la domanda per l'iscrizione all'elenco dei revisori degli enti locali?

  • 2) Nella pagina di registrazione oltre a chiedermi nome, cognome e PEC c'è una domanda ? A cosa serve? Come devo rispondere?

    • La domanda in questione ha lo scopo di mettere in difficoltà i sistemi automatici che tentano di accedere al sistema. E’ una domanda casuale che cambia ogni volta che si accede alla pagina di registrazione; tali domande possono essere di diverso tipo; qualora la domanda riguardi un calcolo aritmetico, la risposta deve essere necessariamente espressa in cifre (non in lettere).
  • 2a) Quale è il formato di firma digitale accettato dal sistema?

    • Il sistema accetta la firma digitale in formato PKCS7 meglio noto come p7m. Tale formato è quello previsto dalla normativa vigente sulla interoperabilità della firma digitale ed quello che le Pubbliche Amministrazioni sono obbligate ad accettare.
  • 3) Cos'è la Posta Elettronica Certificata (PEC)?

    • è uno strumento o servizio informatico italiano che permette di dare a un messaggio di posta elettronica lo stesso valore legale di una raccomandata con avviso di ricevimento tradizionale garantendo così il non ripudio, con il vantaggio che la ricevuta di consegna contiene anche il messaggio, gli allegati e le identità del mittente e del destinatario di PEC anch'essi certificati. Anche il contenuto può essere certificato e firmato elettronicamente oppure criptato garantendo quindi anche autenticazione, integrità dei dati e confidenzialità.
  • 4) Cosa fare se cambio l'indirizzo di posta elettronica certificata?

    • Accedere alla domanda con la precedente PEC selezionare “modifica” ed inserire la nuova PEC, una volta usciti dall’applicazione si potrà rientrare con la nuova PEC mentre la password rimane la stessa.
  • 5) Cosa fare se dimentico la password?

  • 6) Sono obbligato a fare la domanda di iscrizione all'elenco se sono già un revisore in carica?

    • No, non è obbligatorio iscriversi all’elenco per le cariche in atto, ma se si vuole partecipare ai sorteggi per altre cariche future è necessario iscriversi.
  • 7) Cosa succede se ho inviato la domanda e ho dimenticato di inserire alcuni dati?

    • Se si è ancora nei termini di presentazione della domanda si può riaprire la domanda selezionando il pulsante “Riapri domanda” questo renderà non valida la domanda precedentemente inviata. E’ quindi necessario rieseguire tutti i passi previsti per la convalida dell’iscrizione (chiudere la domanda – inviare il file firmato – attendere la conferma di avvenuta iscrizione).
  • 8) Se sono scaduti i termini per l'invio della domanda posso modificarla?

    • No, se i termini di invio sono scaduti non è più possibile modificare la domanda. Possono sempre essere modificati i dati relativi alla pec, alla via di residenza, al numero telefonico e allo status di dipendente pubblico, eventuali ulteriori variazioni dei dati dichiarati dovranno essere richieste per pec.
  • 9) Per considerare finita la domanda cosa devo fare?

    • Prima di tutto occorre riempire tutti i campi relativi ai dati anagrafici, passare all’area “Gestione province” e dire se ci sono delle province da cui si vuole essere esclusi dai sorteggi, inserire i corsi fatti (per un minimo di 10 crediti totali), inserire gli incarichi eventualmente ricoperti come revisore e scegliere le fasce di enti a cui si può e/o si vuole accedere.Quando la domanda è completa è visibile sulla pagina principale il pulsante “Chiudi domanda”.
    • Selezionare il pulsante chiudi domanda. Da questo momento è possibile ”Scaricare” la domanda di iscrizione, scaricare il file e apporre la vostra firma digitale (mediante l'uso di Smart Card e software già in vostro possesso) ed inviarlo all'indirizzo di Posta Elettronica Certificata della Direzione Centrale per la Finanza Locale: finanzalocale.prot@pec.interno.it; e l'oggetto del messaggio di posta certificata dovrà contenere esclusivamente la parola ELENCO_REVISORI.
  • 10) Quali enti posso indicare tra gli incarichi ricoperti in passato?

    • Sono quelli previsti dall’art. 2, comma 1, T.U.E.L. (D.L. 18 Agosto 2000, n.267) di seguito riportato.
      “1. Ai fini del presente testo unico si intendono per enti locali i comuni, le province, le città metropolitane, le comunità montane, le comunità isolane e le unioni di comuni.
  • 11) Se al primo accesso dimentico di conservare la prima parte della password, cosa devo fare per recuperarla?

    • Ricevuta l'e-mail a seguito della registrazione, deve confermare l' iscrizione al sito dei revisori selezionando il link contenuto nella e-mail su citata. A questo punto  bisogna  accedere  dal menu  alla sezione "Accesso al Sistema",  selezionare il link  "Password dimenticata", seguire i passi indicati  e attendere l'e-mail con la nuova password.
  • 12) Quanto tempo debbo attendere prima di ricevere una risposta alla richiesta di registrazione ?

    • I servizi automatici del protocollo informatico nonché le procedure di elaborazione delle richieste utenti vengono eseguite ad intervalli regolari per cui si otterrà una risposta al massimo entro le successive 12 ore.
  • 13) Sono in possesso delle prima parte della password nonché della seconda parte ricevuta tramite email ma non riesco ad effettuare l'accesso al sistema. Ricevo il messaggio "LOGIN NON RIUSCITO".

    • Il sistema può rispondere con il messaggio "Login non riuscito " se viene inserita una password errata o a seguito della mancata attivazione dell' utenza.
    • L'attivazione dell'utenza avviene cliccando sul link trasmesso nello stesso messaggio che contiene la seconda parte della password oppure copiando detto link nel proprio browser.
    • Solo dopo aver compiuto tale azione l'utente verrà riconosciuto dal sistema e potrà accedere al servizio.
  • 14) Come dev'essere la password ?

    • La password è costituita da due parti ognuna di cinque caratteri.
    • La prima è comunicata a video mentre la seconda è trasmessa tramite email.
    • L'unione delle due parti deve costituire una chiave di 10 caratteri.
  • 15) Perchè, anche se allego il file con firma digitale, il sistema mi segnala " file non trovato" ?

    • E' probabile che l'utente abbia rinominato il file pdf generato dal sistema.
    • Controllare che, dopo l'apposizione della firma digitale, il file abbia estensione .pdf.p7m oppure solo .p7m e non rinominare lo stesso.
    • Accertarsi che il file con estensione .p7m sia trasmesso come allegato al messaggio di posta elettronica certificata.
  • 16) Sono nato all'estero. Cosa debbo indicare alla voce "luogo di nascita"?

    • Se il proprio comune di nascita non è tra quelli elencati è possibile selezionare la prima voce della lista "**ENTE NON IN ELENCO**".
  • 17) Non ho ricevuto la seconda parte della password e non ho risposte dal supporto tecnico.

    • Abbiamo riscontrato l'impossibilità di consegnare i messaggi ad alcune caselle perché piene o non più funzionanti.
    • Ciò comporta anche che le risposte a domande inoltrate alla casella supporto.revisori@interno.it tramite queste pec, nonostante la nostra risposta, non vengono recapitate.
    • Per evitare ciò,  Vi invitiamo, nel colloquio con il supporto revisori, ad utilizzare caselle di posta ordinaria.
  • 18) Sono certo di aver allegato il file pdf firmato digitalmente ma continuo a ricevere il messaggio di errore "ALLEGATO NON PRESENTE"?

    • Abbiamo verificato che saltuariamente alcuni messaggi di PEC (provenienti da uno/due fornitori di PEC) seppure ben formattati e contenenti l'allegato, arrivano al protocollo elettronico del Ministero dell'interno senza il medesimo allegato.
    • Qualora ci trovi in questa situazione, si consiglia di comprimere il file .p7m in formato ZIP e ritrasmetterlo.
    • A maggior chiarimento, non occorre modificare il nome del file bensì inviare un archivio ZIP contenente il file pdf firmato digitalmente (file .p7m).
    • Se anche l'invio del file compresso non ha dato esito positivo, è possibile accedere alla funzionalità "INVIO ALTERNATIVO FILE DI CONFERMA" (disponibile solo dopo almeno un fallito tentativo di invio mediante pec).
    • Tale funzionalità sarà visibile nella schermata principale (home) dell'applicazione, in basso a destra (vedi immagine sottostante).
    • Da qui, al click sul bottone "CARICA FILE " si verrà reindirizzati sulla maschera successiva (vedi immagine sottostante).
    • Dal bottone "SFOGLIA" si potrà scegliere il file dal proprio pc e, selezionato il file prescelto, cliccare sul bottone "INVIA FILE".
    • Il sistema darà conferma dell'esito dell'invio.
  • 19) Chiusura della domanda di iscrizione - segnalazione errore di compilazione.

    • In fase di chiusura della domanda ottengo dal sistema il seguente errore:
      “Ci sono incongruenze tra i requisiti al momento registrati e le fasce selezionate ! . . . . . . . . “.
      Si ricorda che il sistema prima di generare il file da firmare ed inviare all’Amministrazione effettua una ricognizione di tutti i dati inseriti dall’utente e verifica la coerenza degli stessi in funzione di quanto dichiarato.
      Pertanto è possibile che qualcuna delle sezioni “Dati Anagrafici”, “Province”,”Formazione”,”Incarichi” e Fasce” sia priva di qualche dato obbligatorio richiesto dal bando. Dette sezioni devono essere TUTTE correttamente compilate inserendo, ove mancanti, i dati richiesti e confermando le variazioni attraverso gli appositi tasti, presenti di volta in volta nella procedura.
      In particolare la sezione “Dati Anagrafici”, in presenza di una precedente registrazione, è stata già precompilata utilizzando le informazioni fornite dall’utente nella precedente iscrizione con l’aggiornamento automatico del numero degli anni di iscrizione all’ODCEC e/o al Registro. Comunque è necessario che l’utente confermi i dati già inseriti e le dichiarazioni di responsabilità  attraverso il bottone "SALVA".
  • 20) Invio del file pdf firmato - segnalazione errore "Il documento PDF contenuto all'interno della busta firmata non è lo stesso scaricato dalla procedura web"

    • Se dopo aver inviato il file pdf firmato digitalmente si ottiene dal sistema la seguente comunicazione di errore: “Il documento PDF contenuto all'interno della busta firmata non è lo stesso scaricato dalla procedura web“, ciò è dovuto a quanto segue.
      Innanzi tutto si chiarisce che il sistema, durante la fase di generazione del file, ne salva una "identificazione digitale univoca" dello stesso (in termini tecnici effettua un hash del file).
    • Tale identificazione digitale univoca permetterà ai sistemi di identificare il file una volta firmato e trasmesso per pec dal revisore.
    • Si rende noto che talune operazioni svolte sul file medesimo potrebbero modificarne l'identità digitale univoca senza per questo modificarne il contenuto visivo (ad esempio aprire e poi salvare il file ed in generale tutte le operazioni di manipolazione al di fuori dello scarico del file e della firma dello stesso).
    • Pertanto, i comportamenti da adottare per evitare che il file risulti diverso sono:
    • 1) scaricare il file dal sito;
    • 2) se si vuole visualizzarne il contenuto aprire il file mediante il lettore adobe reader, avendo l'accortezza, terminata la visualizzazione, di chiudere l'applicazione senza salvare il file (menu File - Chiudi oppure bottone X in alto a destra);
    • 3) apporre la firma digitale sul file;
    • 4) inoltrare il file via pec;
    • nota bene : qualora si sia scaricato più volte il file, occorre inoltrare sempre l'ultima versione del file scaricato poichè ogni download del file crea una nuova identità digitale univoca e solo l'ultima è quella valida per il sistema di verifica;

inizio pagina  |  Icona Invia  |  Invia Icona Stampa  |  Stampa