Vai al contenuto della pagina | Vai al menù di secondo livello
Logo Ministero Interno

Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali

 

Home  |  Finanza Locale  |  Documenti  |  Comunicati

Comunicato del 2 dicembre 2011

Con riferimento alle note inviate da questa Direzione Centrale a numerosi enti locali, con le quali sono stati comunicati recuperi da effettuare riferiti all’ICI D, all’ICI c.d. rurale ed alla mobilità del personale, sono pervenute diverse istanze con le quali gli enti chiedono come devono essere effettuate le richieste di rateizzazione, su come verrà applicato il calcolo degli interessi e la decorrenza degli stessi, nonché le modalità di recupero.

Al riguardo si precisa che dal testo dell’istanza di rateizzazione triennale del debito deve emergere che il recupero in un'unica soluzione degli importi dovuti causa pregiudizio all’espletamento dei servizi indispensabili. L’istanza, inoltre, deve essere firmata dal rappresentante legale e dal responsabile finanziario dell’ente ed inviata, come illustrato nella nota ministeriale, esclusivamente all’indirizzo di posta elettronica certificata finanzalocale.prot@pec.interno.it entro il 31 gennaio 2012.

La domanda non deve essere firmata digitalmente ma su supporto cartaceo allegandola in formato pdf alla e-mail, non inserita nel corpo della e-mail stessa, la quale, al massimo, può essere formulata come “lettera di accompagno” dell’istanza stessa.

Per gli enti che hanno esplicitamente richiesto la rateizzazione del debito in tre anni si chiarisce che il criterio di calcolo degli interessi è quello ordinario legato al tasso di interesse legale vigente al momento della rateizzazione stessa (che attualmente è pari all’1,00%, Decreto del Ministero dell’economia e delle finanze n. 82444 del 13 maggio 2011, come riportato nella stessa nota ministeriale).

La decorrenza degli interessi sarà vincolata alle assegnazioni previste dal decreto attuativo per il nuovo anno 2012.

Si specifica, altresì, che le somme da restituire saranno esclusivamente recuperate da questa Direzione Centrale con trattenute a valere sul Fondo Sperimentale per il Riequilibrio a decorrere dall’anno 2012. Sono escluse forme alternative di riversamento.


inizio pagina  |  Icona Invia  |  Invia Icona Stampa  |  Stampa