Vai al contenuto della pagina | Vai al menù di secondo livello
Logo Ministero Interno

Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali

 

Home  |  Finanza Locale  |  Documenti  |  Circolari

Circolare F.L. 7/2016

ALLE PREFETTURE – UTG LORO SEDI
(ad esclusione delle regioni Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige)

(la presente circolare è visualizzabile esclusivamente sul sito ufficiale della Direzione Centrale della Finanza Locale e per le sole Prefetture - UTG anche sul sistema di “Avvisi e comunicazioni” presente sulla intradait del Ministero dell’Interno)

   OGGETTO:   Contributo erariale per l’anno 2016 a comuni, province, Città metropolitane, liberi Consorzi comunali, comunità montane ed A.S.P. - ex I.P.A.B. - per il finanziamento della spesa sostenuta nell’anno 2015 per il personale cui è stato concesso il distacco per motivi sindacali. Istruzioni per la presentazione della certificazione.

1. Premessa.

L’articolo 1 bis del decreto-legge 25 novembre 1996, n. 599, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 gennaio 1997, n. 5, ha previsto l’assegnazione ai comuni, alle province, alle comunità montane, nonché alle I.P.A.B., ora Aziende pubbliche di servizi alla persona (A.S.P.), a seguito del riordino disciplinato dal decreto legislativo 4 maggio 2001, n. 207, di un contributo erariale per il finanziamento della spesa sostenuta per il personale cui è stata concessa l’aspettativa per motivi sindacali.

Tra gli enti assegnatari del contributo erariale di cui al predetto articolo 1 bis del decreto-legge n. 599 del 1996, debbono essere considerate le Città metropolitane, istituite con legge 7 aprile 2014, n. 56, recante "Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni", i liberi Consorzi comunali istituiti con legge della Regione Siciliana 24 marzo 2014, n. 8, relativa alla "Istituzione dei liberi consorzi comunali e delle Città metropolitane", nonché la Città metropolitana di Cagliari e le province della Sardegna secondo l’attuale assetto determinato a seguito dell’emanazione della legge regionale della Sardegna 4 febbraio 2016, n. 2, attinente al “Riordino del sistema delle autonomie locali della Sardegna”.

E’ opportuno precisare che l’espressione “aspettativa per motivi sindacali” utilizzata dal legislatore deve intendersi riferita all’istituto del “distacco sindacale”, pertanto solo gli Enti, di cui ai precedenti comma, che hanno sostenuto, nell’anno 2015, oneri per il personale cui è stato concesso il distacco per motivi sindacali, possono beneficiare del contributo in esame.

Sulla base delle disposizioni normative richiamate, con decreto del Ministero dell’Interno del 25 febbraio 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale – Serie Generale - numero 55 del 7 marzo 2016, è stata approvata la modulistica informatizzata da utilizzare per la certificazione della spesa, sostenuta nell'anno 2015, per il personale cui è stato concesso il distacco per motivi sindacali, da ammettere alla contribuzione erariale per il relativo finanziamento, ed è stato disciplinato il procedimento per la relativa presentazione, da attuarsi esclusivamente in via telematica.

Tale decreto è consultabile sul sito internet di questa Direzione centrale nella sezione “Le Circolari e i decreti” alla pagina: http://finanzalocale.interno.it/circ/dec10-16.html .

Si richiama particolare attenzione sulla circostanza che la modulistica cartacea pubblicata in Gazzetta Ufficiale non può essere utilizzata per l'adempimento certificativo, in quanto rappresenta solo una visualizzazione materiale del modello informatizzato, il quale ha una veste grafica leggermente difforme dall’allegato cartaceo al predetto decreto, senza tuttavia alterarne il contenuto.

2. Enti tenuti alla dichiarazione, termini di presentazione e modalità di compilazione.

Sono legittimati alla trasmissione della certificazione solo i Comuni, le province, le Città metropolitane, i liberi Consorzi comunali, le Comunità montane, nonché le I.P.A.B. (ora A.S.P.), ad esclusione di quelle facenti parte delle regioni Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta, che hanno sostenuto spese per il personale cui è stato concesso il distacco per motivi sindacali nell’anno 2015.

Non devono trasmettere la certificazione gli enti che nell’anno 2015 non hanno avuto personale destinatario di provvedimenti di distacco sindacale.
Gli enti interessati dovranno trasmettere le certificazioni entro il termine perentorio delle ore 14:00 del 31 maggio 2016.

L’invio da parte degli Enti interessati della certificazione in argomento avverrà in modalità esclusivamente telematica, tramite il Sistema Certificazioni Enti Locali, accessibile dal sito internet di questa Direzione, esattamente alla pagina http://finanzalocale.interno.it/apps/tbel.php/login/verify .

La richiesta del contributo da parte degli Enti interessati dovrà avvenire esclusivamente mediante la compilazione, con metodologia informatica, della modulistica approvata con D.M. del 25 febbraio 2016, disponibile per essere scaricata, compilata e ritrasmessa esclusivamente dal 1° aprile 2016 fino alle ore 14:00 del 31 maggio 2016, sul sito ufficiale della Finanza locale.

Si sottolinea che il modello di certificazione pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale è solo un fac-simile su supporto cartaceo di quello informatizzato e come tale non utilizzabile ai fini certificativi. Parimenti, non saranno accolte, al fine dell’ammissione al concorso erariale, le certificazioni che verranno trasmesse con modalità difforme da quella indicata nel precisato decreto 25 febbraio 2016.

Le indicazioni operative sono le stesse già riportate dettagliatamente nella circolare F.L. 3/2014 del 14 febbraio 2014, cui si rinvia per ulteriori approfondimenti, emanata ai fini dell’assegnazione del contributo dell’anno 2014, consultabile sul sito di Finanza locale alla pagina internet: http://www.finanzalocale.interno.it/circ/fl3-14.html .

Tenuto conto che il riparto del fondo disponibile avverrà sulla base delle certificazioni pervenute entro il termine prestabilito, ritardi nella trasmissione della certificazione comporteranno la mancata partecipazione degli enti ritardatari all’attribuzione del relativo contributo. A tal fine, allo scadere del termine fissato alle ore 14:00 del 31 maggio 2016, verrà precluso l’accesso al sistema telematico di consultazione, compilazione e trasmissione della certificazione.

Si rappresenta che la richiesta di essere rigorosi nel rispetto dei termini di presentazione della certificazione discende dalla esigenza di gestire un contributo erariale erogato a valere su di un apposito fondo chiuso e predeterminato nell’ammontare che rende quindi necessario fissare definitivamente i dati al momento del riparto. Di conseguenza, qualora l’importo complessivo dei dati certificati risultasse superiore al fondo, il rimborso verrà disposto in proporzione alle risorse finanziarie disponibili.

Si suggerisce, pertanto, di organizzare preventivamente e con congruo anticipo, rispetto al termine di scadenza, le attività amministrative connesse con la trasmissione del certificato, al fine di risolvere eventuali problematiche e non pregiudicare l’attribuzione del concorso erariale.

Una particolare attenzione va anche riservata all’eventuale invio da parte degli enti interessati di documentazione aggiuntiva, trasmessa in via ordinaria, via fax o via e-mail. Si fa presente che qualsiasi documentazione trasmessa separatamente a corredo della certificazione in argomento, che compromette la certezza del dato riportato, comporta la non validità dello stesso ai fini dell'erogazione del contributo erariale.

E’ comunque facoltà degli enti, che avessero necessità di rettificare il dato già trasmesso prima della scadenza, produrre una nuova certificazione, in sostituzione di quella eventualmente già inviata, comunque attraverso un ulteriore invio telematico, purché entro le ore 14:00 del 31 maggio 2016.

In tale circostanza, attraverso la procedura informatica predisposta, l'ente dovrà procedere ad annullare la precedente certificazione prima di poter trasmettere un nuovo modello. La certificazione annullata dall'ente perderà la sua validità ai fini del concorso erariale, sia per quanto concerne la data di trasmissione, che per quanto attiene al dato inserito. Si consiglia, pertanto, di porre molta attenzione a ricorrere a tale operazione che, se non effettuata nei termini previsti (31 maggio 2016), determina la perdita del concorso erariale.

Dopo l’acquisizione telematica delle certificazioni, in linea con precedenti orientamenti espressi in materia di verifica delle certificazioni contabili da parte del Ministero dell’economia e delle finanze e della Corte dei Conti, questa Direzione Centrale potrà effettuare un congruo numero di verifiche delle stesse.

3. Adempimenti delle Prefetture - Uffici Territoriali del Governo.

Ciascuna Prefettura-UTG avrà cura di richiamare l’attenzione dei comuni ricadenti nel proprio ambito territoriale di competenza sul contenuto della presente circolare, specificando che la stessa, unitamente al modello A, è visualizzabile sul sito ufficiale della finanza locale alla pagina http://www.finanzalocale.interno.it/circ/fl7-16.html.

Laddove venga richiesto, sarà cura delle Prefetture – UTG affiancare i comuni nella risoluzione di problematiche connesse con la compilazione e/o trasmissione del certificato, avvalendosi anche del supporto degli uffici di questa Direzione centrale direttamente interessati al modello in argomento, i cui indirizzi informatici e telefonici sono riportati alla fine del presente paragrafo.

L’eventuale documentazione acquisita da parte delle Prefetture – UTG su supporto cartaceo, trasmesso in via ordinaria, via fax, via email, via p.e.c. o a mano va restituita all’ente, con contestuale comunicazione che il medesimo certificato non sarà ritenuto legittimo ai fini del rimborso degli oneri sostenuti per il personale cui è stata concessa l’aspettativa per motivi sindacali. Copia della comunicazione dovrà essere trasmessa per conoscenza allo scrivente ufficio, all’indirizzo: Ministero dell’Interno – Dipartimento Affari interni e territoriali - Direzione Centrale della Finanza Locale – Ufficio II: Trasferimenti ordinari e speciali agli enti locali - Trasferimenti speciali - Piazza del Viminale 00184 Roma.

Per eventuali quesiti sia amministrativi che informatici è possibile rivolgersi alla dott.ssa Assunta Reina tel. 06/46548156 assunta.reina@interno.it oppure alla sig.ra Daniela Secondini tel. 06/46548369 daniela.secondini@interno.it.

Per questioni attinenti le credenziali di accesso e le firme digitali è possibile contattare il Dott. Giancarlo Culini tel. 06/46525268 giancarlo.culini@interno.it .

 

Roma, lì 24 marzo 2016

IL DIRETTORE CENTRALE
(Verde)

inizio pagina  |  Icona Invia  |  Invia Icona Stampa  |  Stampa