Vai al contenuto della pagina | Vai al menù di secondo livello
Logo Ministero Interno

Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali

 

Home  |  Finanza Locale  |  Documenti  |  Circolari

Circolare F.L. 11/2015

Al Comune e alla Provincia
di L’Aquila

Ai Comuni di

ACCIANO- AQ
BARETE -AQ
BARISCIANO- AQ
BUGNARA- AQ
CAGNANO AMITERNO- AQ
CAMPOTOSTO -AQ
CAPESTRANO- AQ
CAPITIGNANO- AQ
CAPORCIANO- AQ
CARAPELLE CALVISIO- AQ
CASTEL DEL MONTE- AQ
CASTEL DI IERI -AQ
CASTELVECCHIO CALVISIO -AQ
CASTELVECCHIO SUBEQUO- AQ
COCULLO- AQ
COLLARMELE- AQ
FAGNANO ALTO- AQ
FONTECCHIO -AQ
FOSSA- AQ
GAGLIANO ATERNO- AQ
GORIANO SICOLI -AQ
LUCOLI- AQ
MONTEREALE- AQ
NAVELLI -AQ
OCRE- AQ
OFENA -AQ
OVINDOLI- AQ
PIZZOLI -AQ
POGGIO PICENZE -AQ
PRATA D'ANSIDONIA- AQ
ROCCA DI CAMBIO- AQ
ROCCA DI MEZZO- AQ
SAN DEMETRIO NE' VESTINI- AQ
SAN PIO DELLE CAMERE- AQ
SANT'EUSANIO FORCONESE- AQ
SANTO STEFANO DI SESSANIO- AQ
SCOPPITO -AQ
TIONE DEGLI ABRUZZI -AQ
TORNIMPARTE- AQ
VILLA SANTA LUCIA DEGLI ABRUZZI -AQ
VILLA SANT'ANGELO- AQ
BRITTOLI- PE
BUSSI SUL TIRINO- PE
CIVITELLA CASANOVA- PE
CUGNOLI -PE
MONTEBELLO DI BERTONA- PE
POPOLI -PE
TORRE DE' PASSERI -PE
ARSITA- TE
CASTELLI -TE
COLLEDARA -TE
FANO ADRIANO -TE
MONTORIO AL VOMANO -TE
PENNA SANT'ANDREA- TE
PIETRACAMELA -TE
TOSSICIA -TE

Alle PREFETTURE-UTG DI

67100 L’AQUILA
65100 PESCARA
64100 TERAMO

(la presente circolare è visualizzabile esclusivamente sul sito ufficiale della Direzione Centrale della Finanza Locale e per le sole Prefetture anche sul sistema di “Avvisi e comunicazioni” presente sulla intradait del Ministero dell’Interno)

OGGETTO :   Certificazione relativa al contributo straordinario per gli anni 2014 e  2015 sulla base dei maggiori costi sostenuti o delle minori entrate conseguite a seguito della situazione emergenziale venutasi a creare a seguito del sisma che ha colpito la provincia di L’Aquila  ed altri comuni della regione Abruzzo il 6 aprile 2009.

Premessa
Come per altre forme di concorso erariale legate alla trasmissione di specifiche certificazioni da parte degli enti locali, il trasferimento di cui all’oggetto, ad esclusione del comune e della provincia di l’Aquila per le quali la norma fissa l’importo riconoscibile massimo, è erogato a valere su di un apposito fondo chiuso e predeterminato nell'ammontare, fino a concorrenza della spesa certificata. Pertanto, qualora il fondo risultasse insufficiente alla copertura delle richieste pervenute, il contributo verrà assegnato mediante riparto del fondo stesso secondo il criterio proporzionale.

  1. Riferimenti normativi

Articolo 1, comma 350, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 che stabilisce testualmente: “Al fine di concorrere ad assicurare la stabilità dell'equilibrio finanziario nel comune dell'Aquila, negli altri comuni del cratere di cui ai decreti del Commissario delegato n. 3 del 16 aprile 2009 e n. 11 del 17 luglio 2009, pubblicati rispettivamente nella Gazzetta Ufficiale n. 89 del 17 aprile 2009 e n. 173 del 28 luglio 2009, e nella provincia dell'Aquila, nonché per assicurare la continuità del servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani, è assegnato un contributo straordinario per l'esercizio 2014, sulla base dei maggiori costi sostenuti o delle minori entrate conseguite derivanti dalla situazione emergenziale, nel limite di 24,5 milioni di curo in favore del comune dell'Aquila, di 3,5 milioni di euro a beneficio degli altri comuni del cratere e di 3 milioni di euro in favore della provincia dell'Aquila”;

Articolo 1, comma 446, della legge 23 dicembre 2014, n. 190  stabilisce testualmente: “Al fine di concorrere ad assicurare la stabilità dell'equilibrio finanziario nel comune dell'Aquila, negli altri comuni del cratere di cui ai decreti del Commissario delegato n. 3 del 16 aprile 2009 e n. 11 del 17 luglio 2009, pubblicati rispettivamente nella Gazzetta Ufficiale n. 89 del 17 aprile 2009 e n. 173 del 28 luglio 2009, e nella provincia dell'Aquila, è assegnato un contributo straordinario per l'anno 2015, sulla base dei maggiori costi sostenuti o delle minori entrate conseguite derivanti dalla situazione emergenziale, nel limite di 17 milioni di euro in favore del comune dell'Aquila, di 2,5 milioni di euro a beneficio degli altri comuni del cratere e di 1,5 milioni di euro in favore della provincia dell'Aquila”;

2. Enti legittimati all’invio della certificazione, termini di presentazione e modalità di compilazione.

Sono legittimati alla trasmissione del modello il comune e la provincia di L’Aquila e i comuni indicati nei decreti del Commissario delegato n. 3 del 16 aprile 2009 e n. 11 del 17 luglio 2009, pubblicati rispettivamente nelle Gazzette Ufficiali n. 89 del 17 aprile 2009 e n. 173 del 28 luglio 2009, ai quali questa circolare è indirizzata.
Gli enti dovranno trasmettere le certificazioni entro il termine perentorio del 30 giugno 2015 esclusivamente per posta ordinaria direttamente al Ministero dell’Interno – Dipartimento Affari interni e territoriali -  Direzione Centrale della Finanza Locale –  Ufficio trasferimenti ordinari e risanamento degli enti locali dissestati - Piazza del Viminale 00184 Roma, munite della sottoscrizione del segretario comunale/provinciale e del responsabile del servizio finanziario. Per accelerare le procedure amministrative, il modello può essere anticipato anche via fax al numero 0646549847. La trasmissione via fax non sostituisce  l’obbligo da parte degli enti dell’invio del modello via posta ordinaria.

Non sarà ritenuto valido ai fini del concorso erariale il modello trasmesso con modalità e termini diversi da quelli previsti dal decreto approvativo del certificato.

La certificazione dovrà essere compilata “a mano” esclusivamente avvalendosi dell’apposito modello. Non saranno ritenute valide, ai fini del concorso erariale, le certificazioni ritrascritte  sulla base del modello in argomento.

La redazione del certificato è estremamente semplice. L’ente dovrà, dopo l’indicazione dei dati anagrafici (denominazione ente, provincia e codice ente) riportare il dato complessivo dei maggiori costi sostenuti e delle delle minori entrate conseguite negli anni 2014 e  2015, derivanti dalla situazione emergenziale.

I soggetti chiamati ad apporre la propria firma assumono diretta e personale responsabilità circa la veridicità e l’esattezza dei dati ivi riportati.  La mancanza di una o entrambe le firme sul certificato comportano la nullità dello stesso ai fini del diritto al concorso erariale.

Una particolare attenzione va riservata all’invio da parte degli enti di documentazione aggiuntiva, trasmessa attraverso il servizio postale, via fax o via e-mail,  che pregiudica la certezza del dato  riportato nel modello già inviato. In più occasioni questo ufficio ha ricevuto, successivamente o contestualmente all’invio da parte di un ente locale, certificazioni per l’attestazione di uno specifico dato,  documentazione supplementare, molte volte neppure firmata  dagli stessi soggetti legittimati alla sottoscrizione del modello. In detta documentazione quasi sempre vengono riportati riferimenti che compromettono la certezza del dato indicato nel certificato. Conseguentemente,  questo ufficio è obbligato a prende atto  della infondatezza  della certificazione i cui contenuti perdono di certezza.

E’ opportuno, pertanto, ribadire che qualsiasi documentazione trasmessa a corredo della certificazione in argomento che compromette la certezza del dato riportato comporta la non validità  dello stesso ai fini del concorso erariale.
E’, comunque, facoltà degli enti, che avessero necessità di rettificare il dato già trasmesso, produrre una nuova certificazione, sempre da inviare nelle modalità e nei termini sopra indicati. In tal caso l’ente dovrà specificare che la nuova certificazione è sostitutiva della precedente.

3.  Adempimenti delle Prefetture - Uffici Territoriali del Governo.

Ciascuna Prefettura-UTG avrà cura di comunicare agli enti ricadenti nel proprio ambito territoriale di competenza il contenuto della presente circolare specificando che la stessa unitamente al modello A è visualizzabile sul sito ufficiale della finanza locale alla pagina web http://finanzalocale.interno.it/circ/fl11-15.html.

Laddove venga richiesto, sarà cura delle Prefetture – UTG affiancare i comuni nella risoluzione di problematiche connesse con  la compilazione e/o trasmissione del certificato, avvalendosi anche del supporto degli uffici di questa Direzione centrale direttamente interessati al modello in argomento.

Per eventuali quesiti sia amministrativi che informatici è possibile rivolgersi al dott. Michele Contaldo tel. 06/46548100 michele.contaldo@interno.it.


Roma lì, 12 maggio 2015

IL DIRETTORE CENTRALE
(Verde)

inizio pagina  |  Icona Invia  |  Invia Icona Stampa  |  Stampa