Vai al contenuto della pagina | Vai al menù di secondo livello
Logo Ministero Interno

Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali

 

Home  |  Finanza Locale  |  Documenti  |  Circolari

Decreto del 13 aprile 2016
( pubblicato nella G.U. n. 92 del 20 aprile 2016 )

MINISTERO DELL'INTERNO
Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali
Direzione Centrale della Finanza Locale

IL DIRETTORE CENTRALE

Visto l’art. 161, comma 1, del testo unico della legge sull'ordinamento degli enti locali, approvato con il decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, in base al quale gli enti locali redigono apposite certificazioni sui principali dati del bilancio di previsione e del rendiconto della gestione;

Visto il comma 2 del medesimo articolo, in base al quale le modalità delle certificazioni sono stabilite con decreto del Ministero dell’interno, previo parere  dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (A.N.C.I.) e dell’Unione delle Province d’Italia (U.P.I.);

Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, recante norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche;

Vista la legge 7 aprile 2014, n. 56, recante disposizioni sulle citta' metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni;

Visto il decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle regioni e degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42 e successive modifiche”, come integrato e modificato dal decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126;

Considerato che, ai sensi dell'art. 11, comma 15, del citato decreto legislativo n. 118, gli enti territoriali in sperimentazione nel 2014 adottano, dall' esercizio finanziario 2015, i nuovi schemi di bilancio, che assumono valore a tutti gli effetti giuridici, anche con riguardo alla funzione autorizzatoria, cui affiancano nel 2015, con funzione conoscitiva, gli schemi di bilancio e di rendiconto vigenti nel 2014; mentre, ai sensi del comma 12 del richiamato art. 11, i restanti enti adottano gli schemi di bilancio e di rendiconto vigenti nel 2014, che conservano valore a tutti gli effetti giuridici, anche con riguardo alla funzione autorizzatoria, ai quali affiancano i nuovi, cui è attribuita funzione conoscitiva;

Visti i nuovi schemi di bilancio pubblicati sul sito internet “Arconet-Armonizzazione contabile enti territoriali”;

Ravvisata la necessità di fissare modalità e termini di compilazione e presentazione del certificato relativo al rendiconto della gestione dell’anno 2015;

Valutata l’esigenza di acquisizione delle certificazioni contabili anche da parte degli enti locali della Regione Friuli - Venezia Giulia, della Regione Valle d’Aosta e delle Province autonome di Trento e Bolzano;

Vista la proposta con la quale la Regione Valle d’Aosta – nella quale vige una diversa disciplina contabile - ha indicato le sezioni (quadri) del certificato, che gli enti della stessa regione possono essere chiamati a compilare, compatibilmente al sistema di registrazioni contabili adottato;

Visto il decreto del Ministro dell’interno del 18 febbraio 2013, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 55 del 6 marzo 2013, concernente i parametri obiettivi ai fini dell’individuazione degli enti in condizione strutturalmente deficitaria per il triennio 2013-2015, il cui triennio di applicazione decorre dall’anno 2013 con riferimento alla data di scadenza per l’approvazione dei documenti di bilancio, prevista ordinariamente per legge, dei quali la tabella contenente i parametri costituisce allegato;

Valutato che, conseguentemente, i citati parametri hanno trovato   applicazione a partire dagli adempimenti relativi al rendiconto della gestione dell’esercizio finanziario 2012 e al bilancio di previsione dell’esercizio finanziario 2014;

Considerato, tuttavia, che, per effetto del disposto di cui all’art. 242, comma 2, del citato testo unico, gli enti locali, fino alla fissazione dei nuovi parametri, applicano quelli vigenti nell’anno precedente;

Ravvisata l’esigenza di acquisire i dati mediante posta elettronica certificata e con firma digitale dei sottoscrittori del documento, in modo da consentire, tra l’altro, all’Istat di effettuare alle scadenze previste, le analisi e le elaborazioni su alcuni dati finanziari che sono annualmente richieste in applicazione del Regolamento (CE) n. 479 del 25 maggio 2009;

Considerato che tale tipo di trasmissione, estesa a tutti gli enti locali, consente,  peraltro,  di  dare  completa  applicazione  alle  disposizioni  di  cui all’articolo 27 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, concernenti la riduzione dell’utilizzo della carta;

Ritenuto, altresì, che l’atto da adottare nella forma del presente decreto consiste nell’approvazione di un modello di certificato i cui contenuti hanno natura prettamente gestionale;

Sentite l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani e l’Unione delle Province d’Italia, che hanno espresso parere favorevole sull’articolazione ed il contenuto del certificato;

DECRETA

Art. 1
(Approvazione modelli di certificazione, soggetti tenuti agli adempimenti e termini per la trasmissione)

1. Sono approvati i modelli di certificato del rendiconto della gestione 2015, allegati al presente decreto, che gli enti locali, sono tenuti a predisporre e trasmettere entro il 31 maggio 2016.

2. I comuni e le comunità montane della Regione Valle d’Aosta sono tenuti a compilare e trasmettere esclusivamente le sezioni (quadri) del certificato di cui all’Allegato tecnico.

3. Gli enti locali sono tenuti a compilare e trasmettere, oltre che la certificazione del rendiconto della gestione previsto dal D.P.R. 31 gennaio 1996, n. 194, anche la certificazione relativa ai nuovi sistemi contabili prevista dal citato D. Lgs. 23 giugno 2011, n. 118, come integrato e modificato dal D. Lgs. 10 agosto 2014 n. 126, riportate in allegato al presente decreto.

4. Gli enti appartenenti alle Regioni a statuto speciale e alle Province autonome di Trento e Bolzano, che non hanno applicato nel 2015 le disposizioni di cui al D.Lgs. 118/2011, devono compilare soltanto la certificazione prevista dal D.P.R. 194/1996.

Art. 2
(Trasmissione dei certificati tramite posta elettronica certificata)

1. La trasmissione dei certificati dovrà avvenire, per tutti gli enti locali, esclusivamente tramite posta elettronica certificata e con firma digitale dei sottoscrittori.

Art. 3
(Istruzioni per la trasmissione)

1. Gli enti locali utilizzeranno le credenziali informatiche (userid e password) già richieste e ricevute in occasione della trasmissione delle precedenti certificazioni di bilancio ai fini dell’autenticazione all’apposito sistema tramite il sito della Direzione Centrale della Finanza Locale www.finanzalocale.interno.it/ser/tbel_intro.html .

2. Gli enti locali trasmetteranno tramite posta elettronica certificata, entro il 31 maggio 2016, alla Direzione centrale della Finanza Locale all’indirizzo di posta elettronica finanzalocale.prot@pec.interno.it:
-   il file contenente i dati del certificato firmato digitalmente in formato xml;
-  il file, sempre in formato xml, concernente le informazioni riguardanti il tipo di certificato (certificato preventivo o certificato al rendiconto), l’anno di riferimento dello stesso, il tipo di modello identificato con “X” per il certificato armonizzato ed “U” per il certificato tradizionale, nonché i dati identificativi dei soggetti referenti per la trasmissione del certificato, individuati nel Segretario dell’ente e/o nel Responsabile del servizio finanziario.

3. Gli enti locali trasmetteranno le due certificazioni con invii separati, ognuno dei quali dovrà contenere il file firmato digitalmente ed il file info distinto per tipo modello certificato.

4. Dopo l’avvenuta trasmissione, gli enti riceveranno comunicazione circa il buon esito della stessa o l'eventuale messaggio di errore sulla stessa casella di posta elettronica certificata, per cui la sola ricevuta dell’avvenuto invio della certificazione tramite posta elettronica certificata non è sufficiente ad assolvere l’adempimento in mancanza del riscontro positivo.

Art. 4
(Specifiche tecniche e prescrizioni a carattere generale)

I dati finanziari delle certificazioni devono essere espressi in euro, con due cifre decimali, e quindi, senza arrotondamenti.

Art. 5
(Sottoscrizione della certificazione)

1. Il Segretario, il responsabile del servizio finanziario, nonché l'organo di revisione economico- finanziario provvederanno a sottoscrivere la certificazione con firma digitale.

Art.6
(Divulgazione dei dati)

1. I dati delle certificazioni  del bilancio di previsione per l’anno 2015  una volta consolidati, verranno divulgati  sulle pagine del sito internet della Direzione Centrale  della Finanza Locale  www.finanzalocale.interno.it

Il presente decreto viene pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana,  nonché sulla seguente pagina del sito internet della Direzione centrale della finanza locale www.finanzalocale.interno.it/circ/deccon2015.html. Sulla predetta pagina del sito internet vengono,  altresì, pubblicati  i modelli di certificazione approvati con il presente decreto e concernenti le province, i comuni, le comunità montane e le unioni di comuni.

Roma,13 aprile 2016

IL DIRETTORE CENTRALE
(Verde)

 

 

 


Modulistica relativa al rendiconto al bilancio per l'anno 2015 :
(modello del certificato)

(Tracciati record, tabelle dei controlli di quadratura e codici ente)

inizio pagina  |  Icona Invia  |  Invia Icona Stampa  |  Stampa