Vai al contenuto della pagina | Vai al menù di secondo livello
Logo Ministero Interno

Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali

 

Home  |  Finanza Locale  |  Documenti  |  Circolari

Decreto 21 marzo 2017

Il Ministro dell’Interno
di concerto con
Il Ministro dell’economia e delle finanze

 

VISTO l’articolo 48, comma 16, del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, il quale prevede l’esenzione dall’imposta municipale propria (IMU), di cui all’articolo 13 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, e dal tributo per i servizi indivisibili (TASI), di cui all’articolo 1, comma 639, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 per i fabbricati ubicati nelle zone colpite dagli eventi sismici di cui all’articolo 1 del decreto-legge n. 189 del 2016 il quale definisce il suo ambito di applicazione;

VISTO il citato articolo 1 dello stesso decreto-legge n. 189 del 2016 in base al quale le disposizioni dello stesso decreto-legge sono volte a disciplinare gli interventi a favore dei territori delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, interessati dagli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016, ricompresi nei Comuni indicati negli allegati 1 e 2. Nei Comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto le disposizioni di cui all’articolo 48 si applicano limitatamente ai singoli soggetti danneggiati che dichiarino l’inagibilità del fabbricato, casa di abitazione, studio professionale o azienda, ai sensi del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, con trasmissione agli uffici dell’Agenzia delle entrate e dell’Istituto nazionale per la previdenza sociale territorialmente competenti.  Le misure di cui allo stesso decreto-legge n. 189 del 2016 possono applicarsi, altresì, in riferimento a immobili distrutti o danneggiati ubicati in altri Comuni delle Regioni interessate, diversi da quelli indicati negli allegati 1 e 2, su richiesta degli interessati che dimostrino il nesso di causalità diretto tra i danni ivi verificatisi e gli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016, comprovato da apposita perizia asseverata;

VISTO il menzionato articolo 48, comma 16, del decreto-legge n. 189 del 2016 il quale stabilisce che l’esenzione dall’IMU e dalla TASI si applica limitatamente ai fabbricati distrutti od oggetto di ordinanze sindacali di sgombero, comunque adottate entro il 28 febbraio 2017, in quanto inagibili totalmente o parzialmente e ai fabbricati per i quali i contribuenti possono dichiarare,
entro il 28 febbraio 2017, la distruzione o l’inagibilità totale o parziale degli stessi all’autorità comunale, la quale nei successivi venti giorni trasmette copia dell'atto di verificazione all'ufficio dell'Agenzia delle entrate territorialmente competente;

VISTO lo stesso articolo 48, comma 16, del decreto-legge n. 189 del 2016 , in virtù del quale l’esenzione dall’IMU e dalla TASI si applica a decorrere dalla rata scadente il 16 dicembre 2016 e fino alla definitiva ricostruzione o agibilità dei fabbricati stessi e comunque non oltre il 31 dicembre 2020;

VISTO il citato articolo 48, comma 16, del decreto-legge n. 189 del 2016 il quale prevede che con decreto del Ministro dell’interno e del Ministro dell’economia e delle finanze, da adottare sentita la Conferenza Stato-città ed autonomie locali, sono stabiliti, anche nella forma di anticipazione, i criteri e le modalità per il rimborso ai comuni interessati del minor gettito dell’IMU e della TASI connesso all’esenzione di cui allo stesso comma;

PRESO ATTO che sul capitolo 1382  dello stato di previsione della spesa del Ministero dell’interno, per l’annualità 2016 e per le predette finalità, sono stati stanziati 20,7 milioni di euro;

RITENUTO di procedere al rimborso nella forma di anticipazione, nell’importo di 12.666.377 euro, sulla base delle stime di gettito dell’IMU e della TASI per l’anno 2016 elaborate dal Ministero dell’economia e delle finanze - Dipartimento delle finanze tenuto conto della circostanza che i dati forniti dal Dipartimento della Protezione Civile risultano ancora provvisori;

RITENUTO che il conguaglio per l’anno 2016 – quantificato, unitamente al rimborso per le annualità successive, al momento dell’acquisizione dei dati puntuali –  sarà disposto con uno o più provvedimenti successivi;

SENTITA la Conferenza Stato-città ed autonomie locali nella seduta del 19 gennaio 2017;

DECRETA

Articolo 1
(Anticipazione  ai comuni del rimborso del minor gettito dell’IMU e della TASI derivante dall’esenzione per i fabbricati ubicati nelle zone colpite dagli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016)
  1. Ai comuni delle regioni delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, individuati in virtù dell’articolo 1 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, interessati dagli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016, è attribuito l’importo di 12.666.376,79 euro, a titolo di anticipazione del rimborso del minor gettito derivante dall’esenzione dall’imposta municipale propria (IMU) e dal tributo per i servizi indivisibili (TASI) disposta dall’articolo 48, comma 16, del decreto-legge n. 189 del 2016, relativo ai fabbricati ubicati nelle zone colpite dagli eventi sismici di cui all’articolo 1 dello stesso decreto-legge.
  1. Nella nota metodologica di cui allegato 1 al presente decreto sono contenuti i criteri e le modalità per l’attribuzione dell’importo di 12.666.377 di euro, dovuto a titolo di anticipazione del rimborso di cui al comma 1 e ripartito  fra i comuni interessati negli allegati 2 e 3.
  1. L’attribuzione delle somme dovute a titolo di conguaglio per l’anno 2016, tenuto conto dello stanziamento complessivo, per la medesima annualità, pari a 20,7 milioni di euro nonché il rimborso dovuto fino alla definitiva ricostruzione o agibilità dei fabbricati interessati e comunque non oltre il 31 dicembre 2020, saranno disposti con uno o più provvedimenti successivi.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

 

Roma, 21 marzo 2017

Il Ministro dell’interno
M. Minniti
Il Ministro dell’economia e delle finanze
(Padoan)

inizio pagina  |  Icona Invia  |  Invia Icona Stampa  |  Stampa